Razionalizzare il consumo d’acqua in agricoltura e trasformare i rifiuti della propria attività agricola in risorse, due principi di sostenibilità ambientale che schiacciano l’occhio a un motto che non passa mai di moda: il risparmio è il miglior guadagno.

È questo il leitmotiv del nuovo incontro “Agricoltura razionale in Italia. Riuso dei materiali e tecniche di irrigazione in un mondo che cambia” organizzato a Siracusa da Irritec e Medea Centro Servizi per sabato 10 settembre prossimo dalle 9 alle 13, in via Elorina 143. L’evento, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente, verterà sui temi dell’ottimizzazione della risorsa idrica da una parte, e del recupero delle risorse carta, plastica e polistirolo dall’altra, entrambe riconducibili al principio di agricoltura razionale, inteso come approccio responsabile allo sfruttamento di tutte le risorse legate ai cicli produttivi in agricoltura, sempre più supportati dal progresso tecnologico.

Di risorsa idrica parleranno il progettista Salvatore Scicchitano, della divisione agronomica di Irritec e Giuseppe Provenzano, del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Palermo, che presenterà al pubblico i risultati di alcune interessanti sperimentazioni sulla vite, sull’olivo, sugli agrumi, sulla patata e sull’avocado. La tematica è strettamente connessa agli altri aspetti dell’agricoltura di precisione, come per esempio l’uso e l’interpretazione dei big data, di cui discuteranno con il pubblico Salvatore Campisi-Pinto, del Dipartimento di Scienze Ambientali della University of California River Side (Ucr) e di Luigi Neri, del Servizio Agrometeorologico Siciliano.

Della corretta lettura dei megatrend in agricoltura e dell’opportunità di fruire di opportunità di finanziamento per la ricerca parleranno, rispettivamente Guido Bonati, del Consiglio Nazionale per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria (Crea), e Giuseppe Taglia, dell’Ispettorato Agricoltura di Siracusa, mentre al ruolo delle istituzioni in relazione all’economia circolare verrà dedicata una conversazione introduttiva dell’incontro con esponenti tecnici e politici in rappresentanza delle rubriche competenti: hanno già confermato la propria adesione Pierpaolo Coppa, assessore all’ambiente del Comune di Siracusa, Michele Giglio, responsabile dell’Ispettorato Agricoltura di Siracusa, ed Emma Schembari, responsabile Sicilia per il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo Imballaggi a Base Cellulosica (Comieco), oltre a Michela Giuffrida, europarlamentare in Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, che trarrà le conclusioni dell’incontro in un confronto diretto sugli impegni che il Parlamento Europeo può assumersi in relazione alle tematiche affrontate.

Di simbiosi industriale e green economy, in relazione specifica al progetto “Eco Innovazione Sicilia” parlerà invece Antonella Luciano dell’Ente Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (Enea). La testimonianza di Antonella Luciano introdurrà il secondo tema della mattinata, il ritiro e il riciclo delle risorse carta, cartone, plastica e polistirolo, un investimento pionieristico che Sebastiano Torneo, patron di Medea, ha voluto recentemente intraprendere per offrire soluzioni al passo coi tempi al comparto agricolo del sud-est, nel quale ha maturato un’esperienza più che trentennale.

Aprirà il confronto Roberto Bevilacqua, uno dei massimi esperti regionali in tema di gestione di rifiuti, che illustrerà al pubblico le più recenti disposizioni normative, mentre Gabriella Genitori e Gianluca Agati, rispettivamente per conto di Irritec e Medea Centro Servizi, presenteranno alle aziende agricole partecipanti tutte le opportunità di risparmio che una corretta gestione dei rifiuti può generare sin da subito grazie al principio della compensazione economica.

Spazio anche a un buon esempio di pratiche agricole, come Green Fields di Irritec, progetto sul recupero delle manichette usate ideato da Irritec, società siciliana fra le prime al mondo nel campo dell’irrigazione a goccia, partner esclusivo dell’evento del 10 settembre. Gabriella Genitori, ingegnere della divisione tecnica dell’azienda di Capo d’Orlando è una delle promotrici del progetto Green Fields.  Medea Centro Servizi è stata una delle prime società in Italia ad aderire al progetto Green Fields per il corretto smaltimento delle manichette usurate in agricoltura.

Per consentire un’interazione adeguata, la partecipazione è limitata a cinquanta rappresentanti di aziende agricole o loro delegati. Per accreditarsi inviare un’email aformazione@medeacentroservizi.it indicante la ragione sociale dell’azienda agricola e il nominativo del soggetto partecipante, o in alternativa chiamare il 389.76.14.602 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.