Si è svolta ieri, lunedì 20 aprile, presso la Sala Maggiore del Centro Congressi di Bologna, la conferenza stampa di presentazione del Parco della Biodiversità ad Expo 2015. A fare gli onori di casa Duccio Campagnoli, Presidente di Bologna Fiere, che ha esposto l’ambizioso progetto disegnato dall’architetto Fornasari e ideato da Emilio Genovese coordinatore del comitato scientifico. Presente anche il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina che nel suo intervento ha evidenziato quanto l’ambizioso progetto del Parco della Biodiversità sia importante soprattutto per le generazioni future vista la prenotazione già avvenuta per la visita di numerosi istituti scolastici italiani che avranno la possibilità di capire l’offerta di biodiversità che la nostra Nazione può garantire. Dopo gli interventi dell’assessore all’agricoltura della Regione Emilia Romagna Simona Caselli, Paolo Carnemolla di Federbio, del presidente della CIA Dino Scanavino e di Lucio Cavazzoni presidente di Alce Nero ha preso la parola Giulia Giuffrè Responsabile Marketing Strategico di Irritec che ha spiegato quanto l’irrigazione a goccia possa essere determinante per uno sviluppo eco sostenibile che guardi al futuro e garantisca efficienza produttiva e risparmio idrico. Giulia Giuffrè ha illustrato, in un interessante intervento, le motivazioni che hanno spinto Irritec a partecipare alla realizzazione del Parco della Biodiversità dettate principalmente dalla consapevolezza che l’irrigazione a goccia può essere utilizzata per qualsiasi genere di coltura e che soltanto questa può aiutare la “biodiversità”. L’appuntamento è adesso per il primo maggio, giorno di apertura della tanto attesa EXPO 2015. Il Parco della Biodiversità è ormai praticamente concluso in tutta la sua maestosità e bellezza e completamente irrigato “a goccia”.